2006 MAGGIO - BALAUSTRA DI PIAZZALE DELLA VITTORIA A MONTE BERICO

Con l'inaugurazione del 24 maggio, la Balaustra del Piazzale della Vittoria a Monte Berico è stata "restituita" alla città, dopo l'opera di restauro conservativo promossa dall'Associazione Artigiani, la Fondazione Monte di Pietà, con il supporto delle banca Popolare di Vicenza e di Lora Recoaro.
L'intervento è stato tecnicamente realizzato dal Consorzio Carve sotto la guida dell'architetto Nazario Berti e si colloca lungo quel filone di recuperi del patrimonio architettonico del centro storico - Casa Pigafetta, Oratorio del Gonfalone, Arco delle Scalette - che gli artigiani da anni intraprendono arricchendo in tal modo il loro ruolo sindacale anche con iniziative sociali e culturali a beneficio dell'intera comunità vicentina.
La data della "riconsegna" del manufatto alla città, il 24 maggio, è un voluto richiamo alla Grande Guerra. Se il Piazzale della Vittoria è il monumento nel quale tutti i vicentini si riconoscono, sia della città che della provincia, anche in virtù della presenza della Basilica di Monte Berico, va ricordato che in questi giorni ricorrono anche i novant'anni dalla Strafexpedition, la fase in cui l'esercito austroungarico per poco non dilagò in pianura. E proprio dal punto in cui oggi insiste il Piazzale si potevano osservare i bagliori della battaglia che infuriava sull'Altopiano. Ideato nel 1919 per celebrare la vittoriosa conclusione del conflitto e per dare lavoro ai tanti reduci, il progetto venne condiviso da tutte le amministrazioni e il processo di realizzazione non fu mai interrotto sino all'inaugurazione, il 23 settembre 1924.