Stampa
23
Mar

Sabato 24 marzo è la Giornata Europea del Gelato Artigianale

Il 24 marzo cioccolato fondente e mandorle caramellate prenderanno il posto di codici e carte bollate anche sui banchi del Parlamento Europeo che, nel 2012, ha istituito la “Giornata Europea del Gelato Artigianale”. Sono previste degustazioni anche per i parlamentari di Bruxelles e per un giorno, il suono della campanella che segnerà la pausa dei lavori e l’inizio delle degustazioni e sarà particolarmente dolce. Così sabato 24 marzo torna l’appuntamento con la manifestazione nata per celebrare uno dei protagonisti della tradizione alimentare italiana, capace di conquistare i palati di tutto il mondo.
È la prima volta che un prodotto della filiera alimentare viene fatto oggetto di una “Giornata Europea” dedicata: ed è particolarmente significativo il fatto che il testo della Decisione del Parlamento UE reciti testualmente che “il gelato artigianale rappresenta un'eccellenza in termini di qualità e sicurezza alimentare, che valorizza i prodotti agro-alimentari di ogni singolo Stato membro”, riconoscendo così di fatto al gelato artigianale una valenza molto forte per la valorizzazione dei prodotti tipici agro-alimentari dei territori europei.
Nel vicentino al 2017 erano 214 le gelaterie-pasticcerie, 2 in più rispetto al 2016 (dati Unioncamere-Infocamere): “Il riconoscimento che il Parlamento Europeo ha accordato al gelato artigianale -  afferma il presidente dei gelatieri e pasticceri di Confartigianato Vicenza Oliviero Olivieri - rappresenta non solo la tutela del prodotto, ma un forte incoraggiamento ai produttori artigiani a investire per mantenere alto uno dei simboli trainanti nel Made in Italy”.
Il gelato artigianale è consigliato quale ottimo integratore della dieta, data l'importanza dei singoli nutrienti (proteine, lipidi, zuccheri solubili, vitamine, sali minerali) che esso contiene; per il suo apporto calorico medio e per il suo contenuto in sostanze nutrienti è quindi possibile l'inserimento del gelato in diete normali e speciali senza alterarne l'equilibrio.